Videosorveglianza
La videosorveglianza attiva, il controllo degli ambienti
videosorveglianza

I tradizionali sistemi di videocontrollo hanno oggi la caratteristica di essere attivi: sono in grado di segnalare (azione) all’utente situazioni potenzialmente interessanti, così che egli possa verificare (reazione) ciò che accade sulla base delle notifiche ricevute.

Abbiamo scelto ARTECO IVS perché si differenzia in maniera sostanziale dagli altri produttori, difatti il loro software è sensibile solo a ciò che interessa all'utente. I sistemi ARTECO IVS fanno la differenza tra la ``motion-detection`` (qualcosa si è mosso) tradizionale e la ``videosorveglianza attiva`` (è successo qualcosa che ti interessa).
logo-arteco-small

I sistemi tradizionali non consentono una limitazione degli eventi ridondanti senza obbligare l’acquirente ad una scelta drastica tra ricevere una notevole quantità di falsi eventi o accettare un rischio elevato di perdere quelli interessanti.

La prima opzione produce una inusabilità del sistema dovuta all’enorme quantità di segnalazioni che finiscono presto per essere ignorate. La seconda porta con sé il rischio evidente di un investimento inutile che può non segnalare e non registrare ciò che interessa. Con i sistemi ARTECO IVS è possibile raggiungere un compromesso tra un numero trascurabile di eventi ridondanti e la ragionevole sicurezza che il sistema vigili in modo attivo rilevando tutti quelli interessanti.

Si pensi ad una situazione molto frequente di una installazione con una decina di telecamere: se l’interfaccia è “passiva” o segnala indiscriminatamente ogni forma di movimento, dopo poco tempo l’attenzione della persona addetta al controllo delle immagini scenderà al di sotto del livello necessario a garantire la sua funzione.

Serve quindi un dispositivo che “guidi” la sua attenzione sull’unica vista dove sta accadendo qualcosa.

Nei sistemi ARTECO IVS il “dispositivo-guida” è il pannello dei log dove il sistema scrive le segnalazioni con un codice di colori semplice ed intuitivo. Il sistema abbina ai nuovi eventi segnalazioni acustiche per richiamare l’attenzione dell’utente. Se l’applicativo di visualizzazione non è in funzione, i sistemi ARTECO IVS possono inviare le segnalazioni sul telefonino o via mail per consentire agli utenti di avviare il software di controllo e controllare cosa sta accadendo.

L’operatore “prende in carico” gli eventi visionando le registrazioni (o collegandosi in diretta) e prende le opportune contromisure.

Non è necessario mantenere il collegamento video sempre attivo. I sistemi ARTECO IVS informano l’utente tramite messaggi testuali (opportunamente messi in risalto) o email o SMS.

Il collegamento video può essere stabilito con un’operazione semplice ed intuitiva e limitatamente al tempo necessario per visualizzare ciò che interessa.

I sistemi ARTECO IVS sono parametrizzabili con grande precisione per filtrare efficacemente le cause più comuni di disturbo. Su ogni canale vi sono 18 filtri indipendenti per filtrare:

pioggia

Pioggia

neve

Neve ed idrometeore in genere

animali

Insetti e piccoli animali

people-walking-casting-shadows-wall-old-italian-city-venice-can-see-tourists-sunset-51738652

Ombre

drone

Oggetti con forme diverse da quelle attese

veloce

Oggetti troppo veloci/lenti

Grazie a queste potenti funzioni di filtro il sistema “riconosce” l’oggetto o il disturbo individuandone una caratteristica che lo contraddistingue, così da segnalare all’operatore solo gli eventi potenzialmente interessanti.

Ne consegue un forte incremento dell’efficienza di controllo ed un notevole aumento del livello di sicurezza generale.

I sistemi ARTECO IVS sono dotati di funzioni metriche per la misura delle caratteristiche degli oggetti.

Queste stime possono anche avere fini statistici ma di norma vengono usate per tarare i filtri di Sistema. Ad esempio, per controllare oggetti abbandonati delle dimensioni di una valigetta è possibile posizionare un campione nella scena, ottenerne le misure dal sistema e inserire tali valori nei filtri così da ignorare oggetti di dimensioni diverse.

L’operatore può comandare al Sistema di visualizzare le seguenti caratteristiche degli oggetti presenti nell’immagine: misura della superficie piana (base altezza e area), del perimetro e della velocità.

Inoltre il sistema può contare gli oggetti in movimento sulla base dell’attraversamento di un “traguardo” virtuale tracciabile col mouse.

Queste misure si basano sul contenuto delle immagini e possono essere corrette dall’effetto della prospettiva che modifica le dimensioni degli oggetti a seconda della loro distanza dall’obiettivo.

Attraverso una procedura guidata, l’operatore può tarare il sistema in modo che, a seconda della posizione dell’oggetto, sia possibile valutarne le reali dimensioni basandosi su quelle apparenti.

E’ possibile interfacciare i sistemi ARTECO IVS ad altri sottosistemi e fare in modo che i primi trasmettano ai secondi la presenza di un nuovo evento (e viceversa: i sistemi ARTECO IVS possono ricevere segnali da altri sistemi). Ciò conferisce all’analisi Attiva ARTECO IVS la caratteristica della “multisensorialità” che ne potenzia ulteriormente l’affidabilità delle segnalazioni.

Quali sono i vantaggi?

  • Miglioramento dell’efficienza del personale di vigilanza.
  • Proponendo solo le ’scene’ che rappresentano una potenziale anomalia il sistema garantisce un livello di attenzione adeguato e costante nel tempo.
  • Filtri potenti ed efficienti che riducono al massimo i falsi eventi.
  • Per ogni sorgente video sono disponibili fino a 18 diversi moduli per limitare la generazione di eventi ridondanti.
  • Gamma di prodotti scalabile, integrabile con device già esistenti, o con altri sensori.
  • I sistemi ARTECO IVS possono portare il loro supporto di analisi in parallelo ad altri sistemi di registrazione preesistenti. Le loro caratteristiche di modularità consentono in ogni momento l’aggiunta di nuovi componenti e l’integrazione con altri sistemi.
  • Accesso istantaneo alle immagini sia in locale che da remoto su PC o videofonino.
  • Telecamere: PAL analogiche, IPcam, PTZ, WiFi.
  • La connettività verso il “campo” e l’utente è uno degli aspetti più curati dei sistemi ARTECO IVS che si interfacciano a svariati tipi di telecamere consentendo all’utente un agevole accesso alle immagini e alle funzionalità.
  • Aumento del livello di copertura del sistema.
  • Il sistema richiama l’attenzione dell’operatore solo sulle telecamere potenzialmente interessanti. Ciò consente ad ogni operatore il controllo di un maggior numero di viste.
  • Controllo software da remoto di una o più telecamere dome-PTZ- Hardware industriale burn-in in camera climatica, omologato e certificato CE UL.
  • Ottimizzazione della banda di rete utilizzata.
loghi

Vuoi capire qual è l’assistenza giusta per la tua azienda?

Lettura Targhe

Nel mondo della sicurezza l’integrazione tra diversi dispositivi è sempre più richiesta e necessaria.

lettura_targhe

Abbiamo scelto Arteco LPR che coniuga la Lettura Targhe alla Videosorveglianza, aumentando il livello di sicurezza e controllo di ogni installazione, con estrema semplicità e risparmi su costi e risorse.

I campi applicativi di Arteco LPR Plug-in sono molteplici: controllo accessi, prevenzione criminalità e controllo del territorio, controllo presenze ed orari.

E’ possibile scegliere tra due diverse tipologie di prodotto, in base alle proprie necessità. Se necessaria la rilevazione dei veicoli su strade ad alta percorrenza e velocità è possibile usare telecamere di lettura targhe dedicate, come ad esempio ETH, Selea, Tattile e di altri produttori, se invece è necessario rilevare le targhe dei veicoli in zone dove la velocità è limitata, si può optare per l’applicativo Arteco LPR installabile a bordo delle telecamere IP di largo consumo, come la serie WISENET III di Samsung, senza rinunciare a prestazioni e funzionalità, e ottenendo un ampio risparmio economico.

Arteco LPR, abbinato alle telecamere per la videosorveglianza certificate Arteco, è di facile configurazione e gestione poiché completamente integrato nella piattaforma software Arteco NEXT. Grazie alla possibilità di creare e gestire un database di targhe, sulla base del match “targa rilevata/targa in lista”, il sistema genera eventi e gestisce le notifiche configurate, come ad esempio l’azionamento di una sbarra o inviando segnalazioni specifiche (sms, mail, audio). 

Grazie alla struttura OPEN di Arteco NEXT, Arteco LPR si integra perfettamente con appositi sistemi di monitoraggio traffico di terze parti, per accrescere il valore e le performance di ogni installazione. Attraverso questa architettura è possibile ad esempio visualizzare in tempo reale dati statistici sulla tipologia di veicoli transitati, collegarsi ai registri della motorizzazione civile per ricercare e ricevere dati relativi a veicoli privi di copertura assicurativa, oppure analizzare i flussi del traffico, e tante altre funzioni esclusive. 

Arteco LPR Plug-in è disponibile da oggi per le versioni di Arteco Next, eMotion, Active ed Extreme, e richiede l’utilizzo di telecamere specifiche. Ciascun sistema consente la gestione di un elevato numero di telecamere di lettura e di videosorveglianza tradizionale senza perdita di prestazioni. Arteco LPR non è un semplice OCR, ma un LPR “aperto” a qualsiasi soluzione hardware e software di Terze Parti.

Vuoi approfondire il nostro sistema di lettura targhe?